giovedì 10 agosto 2017

Come Scriverei 4 - Il Millarworld su Netflix


In parallelo con la notizia della, forse, fine del rapporto tra Netflix e Disney negli scorsi giorni è stato annunciato da Mark Millar stesso, autore e produttore delle sue stesse opere a fumetti, una nuova partnership tra il colosso dello streaming digitale e la sua linea di fumetti già portata, in parte, al cinema.
Il nuovo accordo prevede l'esclusiva sulle opere presenti e future di Millar avendo, come obiettivo finale, la creazione di un enorme universo condiviso già presente sulla carta stampata.
Fuori da questo accordo, secondo le fonti ufficiali, abbiamo " Kingsman " che ha al suo attivo già un film e una serie di seguiti, " Kick ass " di cui in passato sono stati venduti i diritti e forse, perchè non si sa, " Wanted " di cui però non si sente parlare da tantissimo dopo il flop della prima trasposizione.

Pur senza alcuni pezzi da novanta l'accordo tra le due aziende non è niente male e, se fatto bene, potrebbe dare tante soddisfazioni.
Quindi, volete sapere come scriverei questo nuovo universo condiviso?

Allora, in primis, sfrutterei la possibilità di produrre sia serie tv che film tutte sulla stessa piattaforma utilizzando i film per lanciare una serie di spin off  a serie tv tramite rimandi e frasi.
L'intero universo inizierà con " Superior " utilizzando il finale di " Kick ass 3 " capace di unire alcuni prodotti della linea editoriale di Millar e di delineare l'esistenza di due universi fittizi uno più reale, quello su cui baseremo il nostro universo, e uno legato al cinema e agli altri media più supereoristico e cartunesco con i titoli appartenenti a questo mondo che faranno capolino qualche volta nei film e nelle serie.
L'unico prodotto non presente nella mia scrittura ideale è " Chosen " di cui so troppo poco.
Ho deciso di integrare " Wanted " in questo accordo perchè è molto probabile che i diritti siano tornati in mano a Millar o lo faranno presto.
  •  Si parte con il film di " Superior " che finisce citando il finale di " Kick ass 3 " delineando la divisione tra l'universo fittizio e quello reale.
Oltre alla distinzione tra i due universi " Superior " cita tramite alcuni dialoghi " Nemesis " e " MPH ".
Queste saranno le due prossime serie tv che vedremo.
  •  " Nemesis " e " MPH " si riferiranno tra di loro.
Le due serie, per un motivo o per l'altro, nel finale apriranno la strada per il prossimo film " Huck ".
  • " Huck " è l'ultimo film della prima fase.
 In questa prima fase ci scontriamo per la prima volta con un mondo normale e con l'arrivo dei primi supereroi e super cattivi.
I quattro prodotti, proprio perchè presentano i primi super svelano, piano piano con accenni e dialoghi, quella che sarà la trama di " Wanted " che verrà ripreso per intero e segnerà l'inizio della seconda fase.
  • " Wanted " è un film prequel a tutto l'universo messo in piedi sino a questo momento e spiega l'assenza e il ritorno dei super nel mondo.
" Wanted " tramite qualche dialogo ci porta alla prima comparsa dei super eroi e al primo spin off di questa seconda fase.
  • " War heroes " è un prequel di " Wanted " stesso e racconta dei primi eroi e dei primi villan della storia del Millarworld.
Con " War heroes " seppur breve finisce la fase due e così staccati da questo universo terrestre e alla base di una terza fase abbiamo l'inizio di un micro cosmo spaziale con " Empress " e " Starlight " due storie singole a fumetti che però si possono collegare benissimo creando un singolo mondo.
L'idea è di staccarsi dalla terra e di aprire una nuova fase porta a più film in questo mondo tutti però appartenenti ad una singola storia.
Mi piacerebbero sei film, come " Sta wars " ma basterebbe anche una semplice trilogia.
Questa intera trilogia o esalogia dovrebbe avvenire durante le due fasi precedenti.

Presenti sempre e comunque in tutti questi film, pure nella fase tre grazie a " Starlight " " The unfunny " come una famosissima serie a fumetti e " Reborn " come un famosissimo videogioco.

Passate queste tre fasi il campo rimane libero per fare qualsiasi cosa.
Che sia un crossover tra più serie o tra l'universo galattico e quello terreste.
Le prime idee che mi vengono in mente sono il ritorno del personaggio di " Starlight " sulla Terra o la consacrazione definitiva del protagonista principale di " Wanted " come villan di questo universo.
Altro personaggio interessante su cui si può lavorare potrebbe essere Nemesis che potrebbe diventare qualsiasi cosa dalla fine della sua serie in poi.

Prima di salutarvi vi invito a passare sulle nostre pagine affiliate: Doctor Who "ita "Telefilm ObsessionTraduttori AnonimiMAh 

Alla prossima!

#ComeScriverei
#Netflix
#Millarworld

giovedì 3 agosto 2017

Perchè non ho parlato minimamente del Comic - Con?



San Diego, durante l'estate, diventa una città piena di nerd isterici pronti a strillare davanti al più stupido degli annunci.
Io sono uno di quei nerd isterici senza e senza ma.
Sono così tanto uno di quei nerd isterici che appena avrò i soldi magari un giro a San Diego durante quel periodo me lo faccio.
Me lo faccio però, tenendo le dita incrociate e sperando di avere un'edizione con annunci più interessanti e sorprese effettive.
Che sia per aumentare l'hype o per incassare di più ormai non c'è più una vera sorpresa in questo ambiente e a queste fiere.
Ormai non si riesce quasi più ad evitare uno spoiler e tutti i grossi annunci arrivano quando non devono arrivare: o troppo presto o troppo tardi.

Per questo motivo, quest'anno, non mi sono minimamente occupato della manifestazione neanche dedicandogli un post sulla pagina di Facebook.
Non c'è stato un annuncio, un panel o un singolo argomento che è riuscito davvero a catturare la mia attenzione o il mio interesse.
Come l'E3 di quest'anno si è dimostrata priva di grossissime sorprese a cui io stesso tenevo, alcune ce ne sono state ma non per me, il Comic - Con ha perso la sua aura fascinosa di oasi per nerd che aveva, anche, un anno fa.

Non importa se hanno fatto vedere il nuovo trailer della #JusticeLeague o hanno annunciato alcune novità sui nuovi film #Marvel: nulla di particolarmente appassionante o che non avevamo già visto.
Entrate in questa spirale discendente dedicata al nuovo post su #Facebook con più LIKE o al trailer con più visualizzazioni le case produttrici si sono chiuse in un angolo rendendo le fiere che prima ne facevano la fortuna dei semplici riassunti live con firme di autografi: soldi a palate ma una completa mancanza di spettacolo. 

Sperando in tempi migliori per noi nerd isterici e per lo spettacolo in generale incrocio le dita e inizio a vedere quanto costano i biglietti per andare a San Diego.

Prima di salutarvi vi invito a passare sulle nostre pagine affiliate: Doctor Who "ita "Telefilm ObsessionTraduttori AnonimiMAh 

Alla prossima!

#Editoriale
#SDCC

venerdì 28 luglio 2017

Un libro al mese per un anno



Ad Agosto sarà passato esattamente un anno dall'inizio di una lista che io stesso mi sono imposto.
Una lista composta da dodici libri che per un motivo o per l'altro mi interessavano, incuriosivano e, quindi, mi sono forzato, in qualche maniera, di leggere.
La lista non era fissa, non era una regola ma solo uno schema da seguire, soggetto a cambiamenti e regolabile a mio piacimento.
Questo articolo serve semplicemente a parlare di questa mia esperienza, così senza molte pretese.
Scrissi e seguì questa lista non perché normalmente non leggo ma perché mi faceva piacere mettermi alla prova in questo senso, aprire un libro al mese invece di due e aggiungerne altri nel frattempo.
Tutti i libri che adesso elencherò sono stati scelti per più di un motivo e sono stati letti in ordine sparso.
Accanto ai libri metterò una X se il film non mi è piaciuto o una V se, invece, mi è piaciuto.
Se siete curiosi di vedere le copertine dei libri sono tutte qui: sul mio Instagram .


  • It V
  • La bussola d'oro X
  • Cosa pensano le ragazze X
  • Fragile Things X
  • La scuola cattolica X
  • Harry Potter 8 X
  • Trumbo X
  • Carne Mia V
  • Wonder Woman Earth One V
  • La lezione X
  • Il libro dei Baltimore V


Come si vede dal mio " riassunto "  su undici libri solo quattro libri sono quelli che mi sono piaciuti e sono tutti libri di autori che io già conoscevo e apprezzavo.
Magari non tutti mi hanno fatto impazzire, magari non apprezzo completamente gli scrittori tuttavia sono riuscito a ritrovarmici molto senza problemi e a godermeli.
L'unico libro che mi è piaciuto e che è stato scritto da un autore che non conoscevo è " Carne mia " di  Roberto Alajmo: un piccolo gioiello in grado di raccontare, con tantissima passione, il rapporto tra due fratelli.

Detto questo, non so se consigliarvi l'idea della lista o del singolo libro al mese, perchè abbastanza costosa a suo modo quindi decidete voi.

 Prima di salutarvi vi invito a passare sulle nostre pagine affiliate: Doctor Who "ita ", Telefilm Obsession, Traduttori Anonimi, MAh 

Alla prossima!

#LaLettura


giovedì 27 luglio 2017

You and me 2 - Robb e Talisa





Benvenuti alla rubrica di Luglio, alla fine di Luglio dedicata ad una coppia che non vediamo da una vita e che non vedremo mai più perché i maledetti Lannister e gli schifosi Frey ce l'hanno portata via.
Robb Stark e Talisa.

Se nei libri questa meravigliosa coppia non è minimamente presente, perché Talisa non esiste nei libri e Robb ha pochissimo spazio, nella serie i due hanno avuto tantissimo spazio durante la seconda e terza stagione diventando, secondo me, una delle coppie migliori di tutto " Game Of Thrones ".
Ma perché?
Perché questa coppia mi è rimasta nel cuore?

Robb e Talisa nascono e muoiono sotto la stessa cattiva stella, vivono il loro amore in tempo di guerra e decidono di stare insieme solo perché credono di riuscire a sopravvivere a qualcosa di più grande di loro.
Talisa decide di mettersi con Robb perchè lo ama, perché crede nel vero amore e nelle favole.
Talisa cerca in tutti i modi di non cadere nel tranello più antico del mondo ma è costretta a soccombere alla fin fine.
Robb, invece, si innamora di lei sin dal primo istante.
Rimane per lungo tempo indeciso, perché è un uomo onorevole come il padre e si sente costretto dai patti stipulati in guerra.
Poi però cambia idea e chiede la mano della ragazza spinto anche da quell'onore che sino a quel momento l'ha trattenuto: non può evitare l'attrazione verso Talisa quindi, per onorarla, decide di sposarla e di rimanere fedele a lei per sempre. 

Purtroppo l'amore e la fedeltà in un mondo come quello di " Game of thrones " non vengono mai ripagate e così i nostri due eroi finiscono in cenere spezzandoci il cuore.

Prima di salutarvi vi invito a passare sulle nostre pagine affiliate: Doctor Who "ita ", Telefilm Obsession, Traduttori Anonimi, MAh 

Alla prossima!

#YouAndMe
#GameOfThrones

martedì 25 luglio 2017

The Amazing Spiderman 3 - Film Noir 3





Proiettili.
Proiettili dovunque senza una vera via di scampo.
Chiunque sarebbe morto ma Peter no, lui non era chiunque: lui era Spiderman.
Tramite il suo senso di ragno, che già tante volte gli aveva salvato la vita, iniziò a schivare tutti i vari colpi di pistola.
Saltando, abbassandosi e buttandosi a terra di lato.
Peter Parker sarebbe sopravvissuto ma non sapeva ancora bene per quanto.

Se infatti, bene o male, riusciva ad evitare i colpi questi erano troppi e, appena commise uno sbaglio, uno centrò il bersaglio e entrò nella spalla del nostro eroe.
Peter cadde al suolo e d'un tratto i criminali si fermano.
L'uomo a capo dell'esercito, perchè questo era, si alzò dalla sua sedia e piano piano, senza battere ciglio, iniziò ad avvicinarsi a Peter.
" Sai ragazzo, io non voglio ucciderti: infondo devo a te la mia libertà.
Se tu e la tua amica vestita da gatto non foste venuti nella mia prigione insieme a quel gruppo di pazzi travestiti io non sarei mai riuscito ad evadere e ora non mi troverei qui.
In poco tempo non avrei messo in piedi questo mini impero e non avrei quasi in mano questa città.
Quindi no, non voglio ucciderti ma devo sicuramente impedirti di fare ciò che hai fatto al ragazzo verde ".
Detto questo, l'uomo iniziò a correre e piegandosi colpì Peter con una testata come se fosse un ariete facendo schiantare l'eroe al muro.

Peter aveva il respiro pesante, la spalla gli faceva un male cane e ma non poteva perdere: semplicemente non avrebbe potuto fare le sue solite battute perchè doveva evitare di urlare per via del proiettile.
" Non dici più nulla bambino? "
Sorrise il criminale prima di tirargli un pugno facendolo volare fuori dalla porta a vetri sull'enorme balcone della stanza d'albergo.
" Andiamo, fammi vedere qualcosa, fammi vedere perchè mi sto sporcando le mani.
Mmm, magari ti serve un po' di motivazione.
Vediamo un po', sai perchè ero nel manicomio criminale?
Ho ucciso una madre e sua figlia: la donna mi aveva visto fare qualcosa che non dovevo fare, stava per chiamare la polizia quindi ho deciso di farle vedere mentre facevo cose che non dovevo fare alla figlia e poi di ucciderla.
Per avere una pena minore è bastato dimostrare di essere pazzo: che bello avere dei soldi da parte ".
L'uomo sorrise e Peter sentì la rabbia salire in tutto il suo corpo.
Fece uno scatto e si avvento contro il mostro che aveva davanti.
Questo fu preso di sorpresa, finì a terra e in pochissimo tempo tutti i suoi uomini si fecero avanti alle sue spalle sfoderando le pistole e puntandole su Peter che, solo, non potè fare altro che indietreggiare.

" Mi chiamo Testa di Martello ragazzo e questa è la mia città.
Oggi non ti ucciderò ma rimettiti in qualsiasi altro modo sulla mia strada e non tornerai mai a casa.
Lasciatelo andare ragazzi ".
Testa di Martello si girò, tutti i suoi " ragazzi " piano piano abbassarono le pistole e Peter, con le lacrime agli occhi, potè fare solo una cosa: voltarsi e andare via perchè per la prima volta era stato sconfitto.

martedì 18 luglio 2017

The Amazing Spiderman 3 - Film Noir 2




Seguire più di un criminale e spacciatore non era mai stato il sogno di Peter ma aveva imparato, con il tempo, che chi calcava le strade sapeva sempre chi era il nuovo capo: così da non pestare le scarpe a nessuno di importante.
Gli bastò scegliere le sue " prede ", seguirle per qualche giorno e in poco tempo capì dove si sarebbero tutti ritrovati qualche giorno più tardi: in uno dei palazzi più in vista della città.
Peter si nascose, si vestì e iniziò a scalare la grande torre curioso e attento a non farsi scoprire come non mai.

Criminali.
Tantissimi criminali, tutti insieme in una sola stanza davanti ad un solo uomo.
Peter non aveva mai visto tutti quegli sfigati e non aveva mai visto quell'uomo.
Sapeva, però, che doveva fare qualcosa e anche in fretta: sembrava un esercito sul piede di guerra.
Prima però di fare qualsiasi cosa il suo senso di ragno scattò e il vetro su cui si era messo per guardare la stanza dall'alto si ruppe facendolo cadere su un tavolo.
Spiderman era da solo in una stanza piena di criminali.

L'uomo alto e statuario, in completo, si alzò e dopo aver battuto sarcasticamente le mani disse, mentre Peter piano piano si rialzava: " Sparategli ".

Tutti i criminali tirarono fuori le pistole e iniziarono a fare fuoco sul supereroe della città cercando di ucciderlo.

venerdì 14 luglio 2017

Your Name - Perchè anche il cuore di un uomo alle volte cede




Emozionarsi a ventanni non sarà una cosa difficile, certo, ma per molti rimane una cosa poco probabile.
C'è chi lo fa per niente e chi lo fa per tutto.
C'è chi lo fa solo nella vita vera e chi lo fa solo davanti ad uno schermo seguendo dei personaggi inventati.
Io non sono nessuno dei due estremi, sono, molto più semplicemente, uno che piange quando si sente toccato dentro.
" Your name ", con una storia semplicissima salvo qualche complicazione, è riuscito proprio a fare questo: mi ha fatto piangere.

Prendete due ragazzi, stessa età e interessi diversi.
Non si conoscono prima dell'inzio della pellicola.
Frequentano mondi, posti e persone quasi incompatibili.
Sono diversi, uno il contrario dell'altro se vogliamo.

Storia già sentita no?
Ecco, seguendo il solito schema del genere " Your name " racconta di due innamorati che non riescono mai ad incontrarsi davvero, mai cosa più vera, che si scambiano e si incrociano con duemila incomprensioni in mezzo.
" Your name " non solo racconta di un amore difficile ma anche a distanza.
" Your name " è un normale film romantico con una spruzzata, di questo si tratta, di originalità tanto bella quanto semplice da non appesantire il racconto.
Basta un pretesto per costruire una trama ovvia che però carica sullo spettatore un emozione sempre più grande che esplode in un payoff non da poco.

I due protagonisti sono il vero fulcro del film e con loro le loro emozioni e azioni: mai fu più puro e bello un sentimento così viscerale.
Se volete qualcosa che vi faccia tanto male quanto bene questo è il film che fa per voi.



Prima di salutarvi vi invito a passare sulle nostre pagine affiliate: Doctor Who "ita ", Telefilm Obsession, Traduttori Anonimi, MAh 

Alla prossima!

#YourName
#Cinema


giovedì 13 luglio 2017

House Of Cards 5 - Ancora meglio, sempre più in rosa


QUESTA SARà UNA " RECENSIONE " SPOILER QUINDI STATE LONTANI SE NON AVETE MAI VISTO LO SHOW.
L'INTERO ARTICOLO SARà UNA RIFLESSIONE SULL'ANDATURA DELLO SHOW.

Difficile pensare che " House of cards ", storia di un uomo in politica alla ricerca del potere, sarebbe arrivata a questo punto.
Strano pensare che l'addio dello showrunner principale si, si senta nello show, ma in realtà venga  " attutito " e " camuffato " da un continuo abbastanza naturale, in linea con la psicologia dei personaggi e originale.
Certo, alcune cose vengono " cambiate ", modificate leggermente per ridare slancio allo show dopo un finale di stagione passato netto e chiaro ma la sostanza non cambia e così ci si ritrova a vedere sempre lo stesso show ma stranamente diverso.
La situazione, inizialmente, alla Casa Bianca non cambia, continuano i giochi di potere e i sotterfugi e la nostra coppia preferita mette tutti al proprio posto in pochissimo tempo.
Poi però il passato torna a colpire Frank e a metterlo all'angolo.
Gli attriti tra la coppia già visti due anni fa, anche se in maniera più sottile, tornano a farsi vedere sullo schermo, qualche cosa si muove e lo show prende una piega diversa.
Non subito ma piano piano, senza far molto rumore, una serie principalmente maschile diventa femminile: Frank lascia il posto a Claire rovinandosi con le sue stesse mani.

Claire, partita come un comprimario e diventata sempre più importante piano piano, dalla seconda stagione in poi ha iniziato una trasformazione arrivata, forse, a compimento solo in questo finale parlando direttamente con il pubblico e chiudendo il telefono in faccia a Frank entrando, finalmente, nello studio ovale da presidentessa.
Claire Underwood diventata ambasciatrice poi vicepresidente e ora presidente scalza il marito dal suo trono prendendone il posto e rivelandola propria personalità a tutto tondo.

Seguendo, quindi, un " trand " del momento, volontariamente o meno, la serie diventa un prodotto femminista, con una frontwoman carismatica e spietata capace, piano piano, con una costruzione meravigliosa, di soppiantare tutti gli altri personaggi e di diventare il prossimo " problema " e " polo di attenzione " di tutti gli altri comprimari.

Anche per questo, per via di questa attenzione e bravura nel mettere in scena una trama si semplice ma tremendamente complicata, " House of cards " è uno dei migliori prodotti seriali che si possono vedere.

Prima di salutarvi vi invito a passare sulle nostre pagine affiliate: Doctor Who "ita ", Telefilm Obsession, Traduttori Anonimi, MAh

Alla prossima!

#HouseOfCards
#Netflix
#Recensione
#SerialUpdate
#TelefilmAddicted

lunedì 10 luglio 2017

The Amazing Spiderman 3 - Film Noir 1





Notte fonda.
La luna è alta nel cielo e non si sente volare una mosca.
Non si sente nulla sino a che due uomini iniziano a correre.
Hanno il fiatone, i loro polmoni stanno per scoppiare ma non vogliono minimamente fermarsi: non possono.
Hanno paura, hanno bisogno di aiuto ma non c'è nessuno che può dargli una mano.
Svoltano una, due volte e vorrebbero continuare a farlo ma non possono: si trovano davanti ad un vicolo cieco.
I due non fanno in tempo a girarsi che una serie infinita di colpi li attraversa e li uccide.
Torna il silenzio.
Notte fonda. 

Passano le settimane e i due morti non sono più solo due.
Aumentano, senza sosta e senza mai fermarsi.
Peter se ne accorge piano piano, quando ormai non può non vedere la notizia sul giornale.
è ora di mettersi in azione.

mercoledì 5 luglio 2017

G.L.O.W - Forte come una donna



Unire le donne e il wrestling in una serie tv su Netflix è tutto ciò che ho mai chiesto a qualsiasi prodotto multimediale di questo secolo, da quando sono nato.

Una fusione meravigliosa divisa in dieci puntate dramedy create dagli stessi autori di OITNB.
Questa, a richiesta di molti su Twitter, strano ma vero, è la recensione di " GLOW ".

Drammatizzazione della vera storia sulla creazione di una delle prime se non la prima federazione di wrestling femminile, " GLOW " parla della forza delle donne e delle donne: parla di come una donna possa sentirsi tale e indipendente.
Parla del genere femminile e di come questo possa gareggiare e anche vincere in un terreno puramente maschile.
" GLOW " parla di una federazione che ha rivoluzionato la storia, che ha fatto la storia e che è stata storia.

Se inizialmente ero convinto che la serie potesse ricalcare il sistema delle prime stagioni di OITNB, anche per via degli stessi autori, seguendo quindi una lottatrice ad episodio mi sono dovuto ricredere sin da subito ritrovandomi, però, molto spaesato.
" GLOW " infatti narra le relazioni, le vicende e le avventure di tutto il cast femminile nello stesso momento senza mai davvero focalizzarsi su una di loro in particolare.
Non sapremo mai davvero molto di ogni protagonista perché lo show non vuole darci molto, si concentra sul tutto senza però entrare mai nel dettaglio.
Parliamo della nascita di una federazione e non delle donne che l'hanno creata.

Come si può benissimo capire da quello che ho scritto sopra si, " GLOW " unisce delle cose che mi piacciono tantissimo, non è affatto male a livello di contenuti ma non è nulla di fenomenale.
Non è così divertente, non è così drammatica e non è mai particolarmente coinvolgente.
Rimane una serie tremendamente superficiale, che non approfondisce quasi nessun personaggio.
Paradosso del paradosso: è troppo tecnica.
Magari non lo sarà così tanto ma ho trovato l'intera prima stagione troppo concentrata sul mondo dietro le quinte del wrestling: capisco che la materia di partenza è quella ma essere troppo tecnici credo sia uno sbaglio.
Netflix e le sue serie, credo, sono un prodotto per tutti e utilizzare un qualcosa di così particolare è un'arma a doppio taglio.

" GLOW " avrà quasi sicuramente una seconda stagione che spero sia molto meno tecnica e molto meno, per quanto la cosa possa non piacere, corale.

Prima di salutarvi vi invito a passare sulle nostre pagine affiliate: Doctor Who "ita ", Telefilm Obsession, Traduttori Anonimi, MAh


Alla prossima!

#GLOW
#Recensione
#Netflix

The Amazing Spiderman 3 2.0 - Da qui potete partire





Chi di voi frequenta questo blog da un po' sa che ogni Lunedì, alcune volte manco ma è rarissimo, posto un nuovo capitolo di una fanfiction che io stesso sto scrivendo.
Questa storia, nella mia testa, segue i film della saga di  " The amazing Spiderman " usciti qualche anno fa al cinema sino a chiudere tutti i vari punti lasciati in sospeso dalle due pellicole e continuare con un racconto nuovo e originale sempre seguendo la stessa filosofia dei due film precedenti.
L'intera storia è già stata tutta delineata e mano mano io la sto scrivendo quindi un finale c'è e, se continuerò a trovare ragioni per scrivere lo vedrete.

Sto scrivendo questo post sul blog perché sono stato assente per una settimana, colpa della Wind, e ho mancato l'appuntamento con la pubblicazione del nuovo capitolo.
La fanfiction tornerà il prossimo Lunedì e sono qui per dirvi che, chiuse tutti i filoni lasciati in sospeso dai film, dal prossimo capitolo in poi tutto quello che leggerete sarà completamente originale e mai visto prima.
A breve correggerò completamente tutti i possibili errori presenti nel racconto.

Qui trovate l'intera storia di " numero in numero " mentre qui trovate i capitoli interi.

Alla prossima!

#TheAmazingSpiderman
#Editoriale

domenica 25 giugno 2017

Punto Zero - Riepilogo contatti e progetti

Benvenuti signori e signore al primo post veramente domenicale di questo blog.
Come va?
Fa caldo vero?
Vabbè, bando alle ciance e iniziamo a fare i seri.
 
Come potete vedere dal titolo questo post non serve solo a presentare il nuovo logo che accompagnerà tutti i miei progetti prossimi e inizierà a farsi vedere in giro da oggi ma serve anche come ringraziamento generale e punto zero per chiunque voglia seguirmi, in ogni luogo e in ogni lago, da questo momento in poi.
 
In primis ringraziamo chiunque abbia deciso di leggere questo post, grazie caro lettore, e chiunque legga questo blog anche solo per criticarlo tra amici: mi piace sempre ricevere qualche visualizzazione in più.
Ringraziamo chi mi è vicino e chi mi sopporta.
Ringraziamo mio fratello e Marco Petrarulo, ottimo attore, che mi hanno aiutato nella produzione e nella realizzazione del #ProgettoSTALKER.
Ringraziamo Miriam Anconelli meravigliosa autrice di tutte le grafiche presenti sul blog, sulla mia pagina e sul canale Youtube sempre pronta per qualche nuovo lavoro: non potreste trovare un'autrice migliore.
Ringraziamo, infine, chiunque mi dia corda nei miei insulsi progetti, alcune volte, irrealizzabili.

Detto questo, facciamo un piccolo riepilogo dei miei " lavori e progetti " esistenti al momento e dei posti dove potete " trovarmi " e seguirmi.

  •  Questo blog nato da poco dove con articoli più lunghi e in maniera molto più tecnica mi occupo soltanto di sceneggiatura: qui rinizierò a postare da Luglio e ogni due settimane farò uscire un articolo.
  • Il mio canale Youtube che, ora come ora, presenta solo il #ProgettoSTALKER ma dove, a breve, inizierò a postare anche li alcuni piccoli lavoretti alcuni seriali e altri meno.
  • Su  EFP dove pubblico un nuovo capitolo intero di questa fanfiction ogni volta che lo finisco e di cui a breve arriverà una completa revisione.
  • Su Instagram giusto perché prima o poi inizierò ad imparare a fare foto e infondo sono anche divertente nelle Storie. 
Per il resto, appena finirà la sessione d'esami e avrò più tempo per me tornerò a scrivere alcuni progetti su cui mi ero messo al lavoro tempo fa.

Prima di salutarvi vi invito a passare sulle nostre pagine affiliate che, dalla prossima Domenica, cercherò di ricordare con un post sulla pagina: Doctor Who "ita ", Telefilm Obsession, Traduttori Anonimi, MAh 

Alla prossima!

venerdì 23 giugno 2017

American Gods - Nuovi e vecchi dei in e per la tv



Adattare, modificare e, secondo me, migliorare un libro/saga amato da tantissimi non è solo difficile ma è anche un enorme azzardo.
I fan del prodotto possono essere tantissimi, milioni e scontentarli non solo eliminerebbe in partenza la fanbase di riferimento ma ti potrebbe attirare addosso dell'odio.
Prendere un qualcosa di amato e farlo, in qualche modo, tuo è la cosa più bella del mondo ma, allo stesso tempo, è tremendamente pericoloso.

" American gods " prima di essere una serie tv è un libro scritto da Neil Gaiman e amato da una generazione intera di lettori persi nelle sue pagine.
Nel libro, Gaiman, racconta di come dei vecchi e nuovi abbiano deciso di andare in guerra l'uno contro l'altro per contendersi il potere.
Passando da Odino sino a Gesù stesso l'autore non risparmia nessuna divinità terrestre mostrandola al suo massimo e al suo minimo con una grandissima eleganza.
Il vero protagonista della storia è Shadow: ex galeotto appena uscito di prigione diventato il tuttofare di Mr Wednesday, uno strano personaggio, dopo aver fatto scoperte sconcertanti riguardo il suo futuro.
Shadow e il suo datore di lavoro iniziano un viaggio on the road per tutta l'America sino alla conclusione del romanzo.

Adattare un prodotto del genere, quindi, non solo è difficile per via della nutrita fanbase ma anche per via delle scottanti e delicate tematiche messe in discussione dall'autore.
Parlare di divinità, ancora adorate o meno, e metterle allo stesso livello degli uomini da molti, moltissimi, potrebbe non essere apprezzato.
Fortunatamente però, a prendere le redini del progetto è Bryan Fuller autore originalissimo che abbiamo già visto adattare " Hannibal ", altro prodotto amatissimo dal pubblico e dalla critica.
Fuller, con il suo gusto particolare e originale e il suo amore per la materia, decide di prendere tutto ciò che è stato scritto, anche un semplice racconto, e creare una storia lineare pianificando più di una stagione e, puntando, sul network di partenza e sull'originalità del prodotto.
La serie tv di " American gods " non è, quindi, un semplice adattamento dell'opera di Gaiman ma è una rinarrazione originale di un prodotto letterario riscritto e modificato da Fuller e da Gaiman stesso.
" American gods " non è un semplice adattamento: è molto di più.

Queste modifiche e riscritture però, al di là che la serie possa non piacere per niente, secondo me hanno enormemente migliorato il prodotto iniziale e lo stesso pubblico sembra aver accettato tranquillamente la maggior parte dei cambiamenti premiando la serie con ottimi ascolti.
Esatto, secondo me, la serie tv è meglio del libro.
So che normalmente è il contrario tuttavia la bravura dello showrunner nella scrittura e, probabilmente, la possibilità di diluire l'intero libro e di allargarlo in più stagioni aiutano l'intera trama a scorrere meglio e l'approfondimento dei personaggi.
Bryan Fuller è riuscito dove Neil Gaiman, per me, ha fallito: ha dato un corpo soddisfacente ad un libro fatto solo di anima.

Prima di salutarvi vi invito a passare sulle nostre pagine affiliate: Doctor Who "ita ", Telefilm Obsession, Traduttori Anonimi, MAh

Alla prossima!

#AmericanGods
#Recensione
#Amazon
#AmazonPrime

mercoledì 21 giugno 2017

Lo " Spiderverse " esiste o non esiste? Funzionerà o non funzionerà?



Inizialmente avrei dovuto recensire una serie tv oggi tuttavia il comportamento schizofrenico della Sony, capace di annunciare spin off su spin off a caso, mi ha costretto a dedicare un articolo a questa situazione assurda.
Ah Sony, Sony perchè ci fai questo?

Sin da quando Marvel e Sony si sono accordati per utilizzare insieme Spiderman e tutti i personaggi appartenenti al suo universo, dopo l'annuncio di Tom Holland come nuovo interprete del ragno e del film dedicatogli, la casa proprietaria dell'eroe ha iniziato ad annunciare una serie di film spin off su personaggi secondari dell'universo ragnesco tutti di base stand alone ma appartenenti ad un insieme molto più grande: il cosiddetto Spiderverse.
Che si parli di Venom o di Black Cat o di Silver Sable la Sony si è messa all'opera per sfruttare il traino di " Spiderman: Homecoming " portando sullo schermo una nuova serie di personaggi mai visti prima o mai del tutto esplorati.
L'idea però, di base buona ma migliorabile, si basava o si basa, non è molto chiara la cosa, sul fatto che lo Spidervese Sony fosse separato completamente dall'universo Marvel creando quindi una sorta di imbarazzo creativo per vari motivi.
La Marvel avrebbe potuto utilizzare i personaggi già usati dalla Sony?
Come si può far funzionare un universo di comprimari senza il protagonista principale della storia?
Queste e tante altre domande, per un bel po', sono vorticate nell'internet e nelle menti dei fan impazziti completamente all'uscita delle sinossi dello spin off dedicato a Silver Sable e Black Cat.

Colpiti da un'ondata d'odio enorme, forse a sorpresa forse no, qualche settimana fa Amy Pascal, responsabile della vita cinematografica di Spiderman, durante un'intervista con il capoccia creativo Marvel Kevin Feige ha annunciato che, in realtà, a differenza di quanto fosse stato detto in precedenza tutti gli spin off Sony sarebbero stati ambientati nell'universo cinematografico Marvel principale.
L'annuncio ha si fatto felici molti ma ha fatto sprofondare la maggior parte del pubblico e dei fan nella confusione più totale e, insieme a loro, lo stesso Feige che, almeno apparentemente, non sembra aver preso bene la notizia, andate a vedere il video dell'intervista per sapere di cosa sto parlando.
Il problema principale è che la conduzione generale dei due universi narrativi non sembra essere minimamente conciliabile o avvicinabile: la Marvel ha un piano ben strutturato mentre la Sony spara nomi di personaggi a caso.

Ultimo annuncio infatti, proprio di oggi, è quello di uno spin off dedicato a Kraven e Mysterio due personaggi si amatissimi ma con un background e una fanbase non ben definita, attraenti ma non poli di interesse.
Insomma così come lo spin off dedicato a Black Cat e Silver Sable sembrava e sembra un'idiozia anche questa pellicola non sembra avere il favore dei fan.

Secondo me, l'intero castello di carte costruito dalla Sony, al momento regge soltanto perchè la Mavel non si è ancora espressa.
Quando e se mai la grande M aprirà la bocca e metterà mano alle carte e alla scrittura di tutto l'universo qualcosa di davvero concreto potremmo vederlo: per il resto abbiamo solo vuoti annunci.


Prima di salutarvi vi invito a passare sulle nostre pagine affiliate: Doctor Who "ita ", Telefilm Obsession, Traduttori Anonimi, MAh

Alla prossima!

#Spiderman
#Sony
#UniversoCinematografico

lunedì 19 giugno 2017

The amazing Spiderman 3 - Lo scontro




L'esplosione colpì tutti nella stanza.
Poliziotti, carcerati, Harry e Peter.
I due ragazzi si ritrovarono per terra tra mattoni e briciole entrambi un po' storditi e confusi.
Harry è il primo ad alzarsi, lo fa con eleganza ma anche con tranquillità, non si gira neanche a guardare Peter, si muove piano piano verso le braccia aperte del suo maggiordomo che, finalmente, aveva risolto il suo problema.
Harry però non è abbastanza veloce e ancora prima di mettersi la tuta Peter esce allo scoperto e saluta il gruppo: " Hey ragazzi, vi sono mancato?
Non ve l'hanno detto che non si deve mai far esplodere le pareti di una prigione? ".
Harry rise, schioccò le dita, e Scorpione partì alla carica senza battere ciglio: lo scontro era iniziato.
Peter però non si fa prendere alla sprovvista, spicca un salto e cade alle spalle dell'uomo, è pronto a colpirlo ma una scossa lo supera in velocità e lo manda al tappeto violentemente.
Le gambe tremano ma Spiderman non può far vincere i cattivi, così Peter si rimette in piedi solo per pochi secondi, solo per evitare una carica di Rhyno e per farsi prendere alle spalle e sbattere al muro da Kafka.
Peter non era mai stato così in pericolo prima d'ora.

Nascosto tra le macerie Connor è preoccupato per Spiderman ma sa che non può salvarlo nel suo stato attuale, sa che non può fare nulla a meno che non usi ciò che Harry gli ha dato nella vana speranza di averlo dalla sua.
Connor chiude gli occhi e decide di fare la cosa giusta: basta un secondo per trasformarsi in Lizard.
L'enorme lucertola urla, attacca Rhyno e da il tempo per respirare a Peter che, in pochissimo tempo, è costretto a vedersela con Kafka e lo Scorpione.

" Dobbiamo andarcene ora Harry, adesso ". 
" Perchè dovrei? 
Finalmente il ragno sta ricevendo ciò che si merita ".
Mysterio scosse la testa, prese il ragazzo per il braccio e lo portò via con se facendosi scortare da un riluttante Electro: non importava cosa si dovesse fare per portare a termine il lavoro.
Il trio però venne fermato subito da una voce femminile: " Mi spiace Harry ma non posso lasciarti andare: devi farti curare ".
Tutti si girarono e la Gatta Nera si fece avanti, sorridente ma comunque minacciosa.
" Mi dispiace Felicia ma devo andarmene, lasciami passare ".
" Non credo sia possibile " rispose la ragazza.
Fu Electro a muoversi questa volta, iniziando a sparare dei fulmini dalle dita che, però, la giovane riuscì a schivare con estrema agilità.
Harry sorride, assapora la libertà, prima di essere fermato da una ragnatela e una battuta familiare: " Non andare così di fretta folletto ".

I buoni sono alle strette.
I cattivi sono di più.
Peter è stato colpito alle spalle dallo Scorpione e frontalmente da Harry.
Lizard non riesce a sopportare i colpi di Rhyno.
Felicia non può evitare tutti i colpi di Electro.
I tre eroi si avvicinano, spalla contro spalla, fanno quadrato e finalmente Peter prendere le redini del comando e diventa ciò che è destinato ad essere: un eroe.
" Dottor Connor con me, Felicia cerca di portare Electro dove vuoi tu.
Forza ragazzi, possiamo farcela ".
I tre eroi si guardano e si muovono all'unisono: come una vera squadra.

Connors corre verso Rhyno, Peter si mette alle spalle del mostro e con la sua ragnatela, aiutato dalla spinta della lucertola gigante, butta giù l'animale.
Felicia torna a schivare i colpi del pazzo colpito dal fulmine, è più veloce di prima, ora ci crede davvero, e riesce a mettere in mezzo Kafka che viene fulminato dal mostro.
Il prestigiatore del gruppo, Mysterio, fa alzare una nebbia per nascondersi che però, in breve, diventa la sua condanna venendo colpito da uno Scorpione confuso e poi messo, quasi subito, ko dalla Gatta e dal Ragno.
Electro è il peggiore e così Connors decide di sacrificarsi buttandoglisi contro e facendo svenire entrambi: uno per l'impatto e uno per lo shock.
Harry è finito e così anche questo scontro.

" Grazie Dottor Connors io, mi dispiace di non essere venuto prima ".
Peter guarda Connors, ormai tornato normale, negli occhi e l'uomo gli sorride in risposta.
" Non preoccuparti Peter: mi merito di stare qui, vieni quando puoi ".
Peter sorrise e si avvicinò alla ragazza: " Quindi non rubi solo negli appartamenti? ".
Felicia sorrise e dopo aver dato un'occhiata al ragazza disse: " Non l'ho fatto per te ma lavoriamo bene in squadra quindi se mai avrai bisogno fammi un fischio ".
" Riuscirai a sentire il mio fischio dovunque tu sia? "
" Solo se tu sentirai il mio ". Felicia sorrise e scappò via.

venerdì 16 giugno 2017

Oats Studios per un nuovo modo di fare fantascienza




Di Neill Blomkamp, uno dei migliori autori dei tempi recenti, ormai si sono perse le tracce.
Un po' ha sbagliato lui, un po' il pubblico l'ha rigettato e un po' è stata la Fox che ha silurato il suo progetto su " Alien " in piena lavorazione.
Insomma, al di là di chi sia la colpa, Blomkamp è da molto che non si vede sul grande schermo e questo mi dispiace.
Mi dispiace perchè secondo me lui è un ottimo autore, ha un'idea dietro tutti i suoi lavori e una voglia di osare fuori dal comune: ricordatevi sempre che è uno dei pochi che voleva portare " Halo " al cinema.

Neil però, spero non si offenda se lo chiamo così, non si è fermato quando la Fox gli ha chiuso le porte in faccia e si è messo subito all'opera su due piattaforme mai combinate prima per un lavoro tutto gratis e alla portata di tutt.
Benvenuti signori e signori su Steam e su Youtube per il primo volume composto da quattro corti del nuovo studio di Blomkamp: " Rakka " degli Oats Studios.
Non l'avete ancora visto?
Non preoccupatevi perchè anche se l'ho messo sulla mia pagina di FB lo lascio anche qui:


 Il ragazzo ha effettivamente talento: impossibile negarlo.
Quindi, mentre gli studios cercano ancora di capire quanto sono stupidi per averlo messo sotto contratto voi iscrivetevi al canale e supportiamo chi se lo merita.

Prima di salutarvi vi invito a passare sulle nostre pagine affiliate: Doctor Who "ita ", Telefilm Obsession, Traduttori Anonimi, MAh

Alla prossima!

#Editoriale
#Youtube
#OatsStudios

mercoledì 14 giugno 2017

Orange is the new black 5 - Tutti umani, prigionieri e carcerieri


Riuscire a sostenere un finale scopiettante e pieno di forza come quello della quarta stagione era una delle varie sfide che doveva affrontare questa quinta stagione di OITNB arrivata sui nostri schermi fuori tempo massimo e con un carico di attese enorme.
Le varie sfide sono state vinte?
Ci interessa ancora sapere che cosa succede a Piper e compagnie?
Tutte le nostre attese sono state ampiamente ripagate?

Spinte in un angolo, nell'ultimo episodio che abbiamo visto nella quarta stagione, le detenute preferite d'America si sono unite, hanno fatto fronte comune e hanno sovvertito l'ordine prestabilito prendendo il controllo della prigione e iniziando una rivolta come nelle migliori serie del genere senza però abbandonare lo stile e unico della serie che ci ha accompagnato sino ad ora.
Tenuta in piedi per tutte e tredici le puntate la rivolta ci ha regalato un mondo completamente nuovo, risvolti e alleanze inaspettate e ha ridato linfa ad una serie che forse, tolta un'altra stagione, difficilmente potrà andare avanti con lo stesso cast.
Abbiamo rivisto la stessa prigione, le stesse prigioniere e gli stessi carcerieri in una veste completamente nuova e inedita: ruoli invertiti ma tutti sullo stesso piano per la prima volta.

Questa volta come non mai OITNB mette sotto l'occhio della telecamera e dello spettatore secondini e criminali rendendoli tutti povere anime rinchiuse, questa volta letteralmente, in un mondo troppo piccolo per chiunque.
In una situazione di tale pressione entrambi i gruppi si scontrano e si incontrano più volte, nel bene e nel male, regalandoci scorci inauditi ma anche momenti tremendi o comici.
Per la prima volta però sono le carcerate a trattare le persone libere come bestie mostrando tutta la loro cattiveria e la loro frustrazione che, piano piano, andrà scemando.
Il cambio di ruoli non solo serve per ampliare personaggi visti precedentemente e mai approfonditi ma anche a cambiare il nostro giudizio su persone che ritenevamo perse che però, piano piano in maniera silenziosa, gli sceneggiatori hanno mandato avanti e hanno fatto crescere.

Dalla prima messa in onda OITNB è cresciuta esponenzialmente perdendo la sua protagonista principale e  passando ad un cast di coprimari, di conseguenza, sempre più presente sullo schermo.
Le scene di nudo, prima vera attrazione dello show, non esistono quasi più e con la loro assenza è la qualità generale ad essersi alzata.

OITNB non è più quello di quattro anni fa ma è sicuramente uno show migliore.


Prima di salutarvi vi invito a passare sulle nostre pagine affiliate: Doctor Who "ita ", Telefilm Obsession, Traduttori Anonimi, MAh

Alla prossima!

#OITNB
#Netflix
#Recensione

venerdì 9 giugno 2017

Abbiamo troppi universi cinematografici?





So che è tardi, so che dovevo farmi sentire prima ma oggi è stato il mio primo vero giorno di vacanza tra un'esame e l'altro, non ho ancora finito, quindi abbiate pietà e fate finta che siano le sei del pomeriggio: fate finta che sia in orario.
Sarà un caso, sarà che l'uscita del film " La mummia " ha fatto rizzare le orecchie di tutti, ma di recente si fa un grande parlare degli universi cinematografici che ormai sono sempre presenti al cinema.
Su Youtube, su Facebook e su Twitter c'è chi si lamenta e chi li loda, chi li odia e chi non ne può fare a meno quindi perchè non approfittare di questo clima e dire la mia?
Ah, ve lo dico subito: nel week end uscirà un articolo dedicato anche sull'altro blog quindi state attenti e non perdetevelo.

Quindi, dicevamo, universi condivisi: che ne pensiamo?
Sono il bene o il male?
Ci piacciono?
Non ci piacciono?
Perchè ci stanno provando tutti?

Sin da quando la Marvel ha dimostrato di poter gestire un universo cinematografico enorme e di aumentare così i propri profitti l'idea di unire più film insieme ha interessato tante altre case di produzione con in mano i diritti per lo sfruttamento cinematografico di più di un personaggio.
A farsi valere, o quantomeno a cercare di farlo, abbiamo avuto prima la Warner con i personaggi DC che, sin' ora, però non è riuscita ad avere lo stesso successo della rivale.
La Legendary, subito dopo, si è messa all'opera per unire Godzilla e Kong in un crossover nel 2020 se ricordo bene.
La Hasbro sta cercando di accodarsi al trend anche se difficilmente qualcuno se li filerà quindi manco dovrei metterla in questo insieme.
Ed infine, proprio infine, l'Universal ha deciso di mettere mano ai suoi mostri classici per rimaneggiarli.

Quindi, contando quello Marvel, abbiamo cinque universi condivisi all'inizio della loro genesi o ormai avviati.
Sono troppi?
Sono troppo pochi?
Probabilmente sono troppi.
A me piacciono, adoro entrare in questi immensi mondi fantastici ma è chiaro che questi universi siano troppi e sono troppi perchè sono fatti male altrimenti meno persone se ne lamenterebbero.
Si, sono fatti male.
Non tutti ma la maggior parte si e vi dirò anche perchè:

Marvel
Il miglior universo condiviso che potete trovare sul mercato.
Non esente da difetti ma fatto con i fiocchi.
Punto di arrivo per tutti gli altri universi.

Warner
Alla ricerca del successo Marvel la Warner prova a portare al cinema gli eroi e i cattivi DC non essendo ancora riuscita a centrare davvero l'obiettivo.
Anche WW, che sembra essere il miglior film dei quattro usciti, non è un film che ha superato chissà quali traguardi o di cui si sta parlando tanto.

Universal
Universo condiviso stra pasticciato, con un fallimento al suo attivo, " Dracula Untold ", e un cast di attoroni che non si sa bene quanto dureranno per via dell'alto stipendio.
Rimaneggiare i vecchi mostri della casa non è una brutta idea ma non c'è una vera guida del progetto.

Legendary
L'unico universo condiviso già avviato che potrebbe avere un senso e che sembra sia scritto e ideato con un bel disegno in testa: l'unico universo su cui ho una grande speranza.
 Prima di salutarvi vi invito a passare sulle nostre pagine affiliate: Doctor Who "ita ", Telefilm Obsession, Traduttori Anonimi, MAh

Alla prossima!

#Editoriale
#UniversoCinematografico

mercoledì 7 giugno 2017

#KeepYoutubeCreepy

Ciao a tutti, come va?
Io non è che stia passando queste grandi giornate ma via, cerchiamo di riprenderci con qualcosa che mi piace tantissimo.

Date uno sguardo qui:


Questo video contenitore mostra 71 canali horror su Youtube pronti per ogni fan del genere come me.
Spero possa interessarvi come ha interessato me.

Prima di salutarvi vi invito a passare sulle nostre pagine affiliate: Doctor Who "ita ", Telefilm Obsession, Traduttori Anonimi, MAh

Alla prossima!

#Youtube
#KeepYoutubeCreepy

venerdì 2 giugno 2017

Daccelo sto film Netflix, dacci " Sense 8 " il film



A me " Sense 8 " non piace.

Non posso farci niente, mi sono pure messo davanti alla tv con tanta forza di volontà ma proprio non riesco a trovarci nulla di interessante.
Non so se è la storia alla base, i personaggi o tutta quell'idea secondo me un po' troppo esagerata della completa condivisione di tutto.
" Sense 8 " non mi piace in generale, tutto li ne più ne meno.

Alla notizia della sua cancellazione quindi non mi sono chiaramente messo a strapparmi i capelli e a piangere a differenza dei miei contatti di Twitter e della quasi totalità della rete che grida allo scandalo.
Allo scandalo perchè non è giusto, perchè hanno lasciato aperta la storia, perchè hanno rinnovato " 13 reason why "  e non questo.
Allo scandalo perchè manco ci fanno un film sopra, per chiudere baracca e burattini e sapete che c'è?
Io sono d'accordo.

Io voglio un film di Sense 8.

Netflix ci ha sempre abituato bene, ha rinnovato e salvato serie morte e sepolte ma amate dai fan quindi perchè non accontentarci anche questa volta?
Perchè non pagare due puntate in più, si parla davvero di due puntate, per chiudere la storia?
Dai Netflix, dai.

 Prima di salutarvi vi invito a passare sulle nostre pagine affiliate: Doctor Who "ita ", Telefilm Obsession, Traduttori Anonimi, MAh

Alla prossima!

#Editoriale
#Sense8
#Netflix

giovedì 1 giugno 2017

Trailer Reaction 11 - Assassinio sull'Oriente Express





In ritardo di un giorno e anche in ritardo rispetto all'orario pubblico il primo articolo di Giugno, non l'ho neanche fatto a posta, riaprendo una vecchia rubrica e parlando di un trailer uscito in giornata che mi interessa abbastanza.
Date uno sguardo al video e poi ne parliamo.


Parlare di un classico come " Assassinio sull'Oriente Express "è abbastanza semplice: leggetelo.
Che vi piacciano o no i gialli non leggere un libro così leggendario, come " 10 piccoli indiani ", è un delitto.
Allo stesso modo non vederne mai una trasposizione televisiva/cinematografica è un peccato: ogni versione della stessa storia ha piccole sfumature e interpretazioni magnifiche che, purtroppo, potrebbero perdersi.
Magari non tutte le versioni vi piaceranno, l'ultima trasposizione della BBC di " 10 piccoli indiani " l'ho abbastanza odiata, ma sicuramente sapranno sempre stupirvi.
Proprio per questo il riportare sul grande schermo " Assasinio sull'Oriente Express ", con questo clima nostalgico che di recente ha colpito l'industria, è un'idea che non mi stupisce minimamente.
Purtroppo però, anche se non mi stupisce, non sto saltando di gioia: ho paura faccia un botto clamoroso al botteghino.
Immagino che i vecchi fan e i nostalgici vadano in sala ma dubito fortemente che i grossi nomi possano portare tutta la gente che la casa di produzione si aspetta e che servono proprio per pagare gli stipendi degli attori.
Ah, potevate evitare i baffi di Poirot perchè siamo nel cazzo di 2017 e ora faranno meme a palate: idioti.


Prima di salutarvi vi invito a passare sulle nostre pagine affiliate: Doctor Who "ita ", Telefilm Obsession, Traduttori Anonimi, MAh


Alla prossima!

#TrailerReaction
#AssassinioSullOrienteExpress

venerdì 26 maggio 2017

Perchè qualcuno vorrebbe ancora andare a vedere un altro " Pirati dei Caraibi " ?




Sul mio Twitter e sul mio Facebook ieri ho fatto una domanda: " Qualcuno è ancora interessato a Pirati dei Caraibi? ".
Non l'avrei mai detto, probabilmente per il mio parere personale ma ci arriveremo, ma la risposta è stata, quasi completamente, affermativa.
Infatti, tolto qualcuno, la maggioranza di chi ha risposto è ancora interessato al franchise, ai personaggi o quantomeno è curioso di sapere dove la storia andrà, nuovamente, a parare.
A questo punto mi chiedo: perchè?

Il primo film della saga, pensato e arrivato in sala come one - shot non solo è un bel film in generale ma è anche un inaspettato successo che porta, quindi, la Disney a ordinare altri due film della saga andando a comporre una trilogia.
Gli altri due film sono più strettamente collegati tra loro, uno complementare all'altro tant'è che molti affermano che il secondo sia un film completamente sacrificato per portare a compimento la trilogia iniziata anni prima.
Personalmente non ho particolarmente amato il primo ma ho adorato, nel vero senso della parola, gli altri due seguiti che sono grandissimi film e meravigliosi blockbuster: se volete un film sui pirati questo è quello che fa per voi, soprattutto il terzo che, pur con i suoi difetti, io ho adorato tremendamente.

La trilogia quindi, come Dio vuole, si chiude e lo fa anche bene: difficile poter fare meglio.
Negli anni successivi i tre protagonisti si cullano nel successo delle tre pellicole enormemente, Bloom e la Knightley spariscono completamente e Deep diventa una pallida ombra di se stesso, ma nulla può toccare il successo di una trilogia perfetta.
Nulla tranne un seguito non richiesto, non pianificato e mal eseguito.
 " Oltre i confini del mare " quarto capitolo della saga affoga, questa è l'espressione giusta, qualsiasi possibile revival del franchise regalando al pubblico non solo un film brutto e dimenticabile ma tremendamente lontano dalla qualità dei suoi tre predecessori.
Senza Will e la sua dolce metà tutto il film si regge sulle spalle di Barbossa e di Jack che non reggono la pressione e cadono miseramente insieme a tutti i nuovi innesti del cast.
Nessun personaggio nuovo riesce a catturare il pubblico e Deep risulta più bollito che mai.
" Oltre i confini del mare " arriva al limite del tempo massimo di rilascio di un sequel e fa naufragare l'intera saga.

Il flop critico è così alto che tocca aspettare sino al 2017, sino a qualche giorno fa, per il nuovo episodio della saga: " Pirati dei Caraibi - La vendetta di Salazar ".
Quest'ultima pellicola sfrutta il filone nostalgia degli ultimi anni, strano a dirsi per un franchise relativamente nuovo, richiamando i vecchi protagonisti e unendoli a un nuovo cast, solo due personaggi però, cercando di utilizzare il cambio della guardia riuscito nell'ultimo Star Wars ma non nell'ultimo Indiana Jones.
"  La vendetta di Salazar " richiama i vecchi fan e ne cerca dei nuovi allontanandosi fortunatamente, almeno da quanto ho sentito, dal mal riuscito quarto capitolo.

Ora, mettendo in conto che il quinto film sia migliore del quarto, perchè la gente è interessata alla pellicola?
Non so, forse rivedere i vecchi protagonisti sullo schermo ha sempre un suo fascino.
Forse ci si illude che Deep e i Pirati dei caraibi possano ancora stupire e tornare ai fasti di un tempo.
Io, purtroppo, tutta questa curiosità non me la spiego.
Qualcuno mi risponda, qualcuno mi spieghi.



Prima di salutarvi vi invito a passare sulle nostre pagine affiliate: Doctor Who "ita ", Telefilm Obsession, Traduttori Anonimi, MAh


Alla prossima!

#Editoriale
#PiratiDeiCaraibi

mercoledì 24 maggio 2017

The Keepers - Più di un semplice crimine





ATTENZIONE LA RECENSIONE CONTIENE UN MINIMO SPOILER SU UNA TEMATICA DEL DOCUMENTARIO

 Netflix ci porta quasi ogni giorni cartoni, serie tv, film e spettacoli comici nuovi alzando continuamente la barra della qualità generale e guadagnandosi, senza problemi, il rinnovo dell'abbonamento mensile.
Uno dei generi prodotti meglio dall'azienda tuttavia è il documentario e, sotto questa stessa etichetta, le docuserie basate su fatti di cronaca nera.

" Making a murdered " qualche tempo fa aveva fatto impazzire il web e l'opinione pubblica e Netflix cerca, ora, di replicarne il successo con " The keepers " serie con la stessa idea alla base, la risoluzione di un crimine del passato, ma con un altro impatto emozionale e visivo.

Sorella Cesnik, insegnante dell’Archbishop Kenough High School di Baltimora, scompare il 7 novembre 1969 e verrà ritrovata qualche mese dopo senza vita.
La polizia inizierà subito le indagini, dopo aver iniziato le ricerche andate fallite, salvo non riuscire ad arrivare a nulla.
Dopo anni però due studentesse della sorella decisono di aprire un gruppo su Facebook e di iniziare a fare le loro indagini.
La serie inizia proprio qui portandoci a conoscere più di una persona coinvolta, più di un sospetto e, soprattutto, più di un " semplice " crimine.
La Cesnik infatti non sembra essere morta senza una vera e propria ragione: qualcuno le ha tappato la bocca.

" The Keepers " infatti non si ferma all'omicidio di sorella Cesnik ma ci porta nell'unico terreno avvelenato seppur molto banale e conosciuto quando si parla di chiese e vescovi specialmente in America: la pedofilia e la molestia sessuale.
Stretta in un intrigo più grande di lei forse la giovane è stata uccisa per aver cercato di fare la cosa giusta oppure, come ci dice il documentario, tutto è stato un caso.

Non so chi l'ha ucciso ma posso dirvi sicuramente una cosa: il documentario vi farà più male del previsto.
Iniziatelo solo se siete duri di cuore.

Prima di salutarvi vi invito a passare sulle nostre pagine affiliate: Doctor Who "ita ", Telefilm Obsession, Traduttori Anonimi, MAh


Alla prossima!

#TheKeepers
#Netflix
#Recensione